lunedì 28 luglio 2014

AIL + Cruciani, insieme per la vita.

Care amiche e amici all'ascolto - anzi, alla lettura -, salve! Mentre l'estate procede imperterrita tra un nubifragio e l'altro e il mare diventa un miraggio anche per chi in una città di mare ci vive, come la sottoscritta, noi blogger siamo qui a contarci le ultime tendenze fescion in fatto di moda, viaggi, bellezza et similia, nella speranza che tutti questi consigli potremo a breve metterli in pratica. Così, mentre attendiamo un timido raggio di sole estivo, anzi attendete, perché io sono notoriamente un'amante dell'inverno, lasciate che vi parli di un'iniziativa alla quale possiamo tutti prender parte.
Sono abbastanza certa che voi tutti conosciate l'AIL, l'associazione italiana contro le leucemie, linfomi e mielomi che si occupa non soltanto di promuovere la ricerca scientifica, al fine di individuare nuove cure contro queste gravissime patologie, ma anche e soprattutto di fornire assistenza ai pazienti e ai loro familiari, specie durante il periodo di degenza. Personalmente, ho avuto modo di "sperimentare" l'operato dei volontari AIL e posso assicurarvi che i malati, anche con un semplice sorriso o una piccola accortezza, ne traggono immenso beneficio. Come saprete, l'associazione si finanzia interamente grazie al contributo spontaneo di cittadini, banche e aziende (tutti conosciamo le raccolte fondi avviate in prossimità del Natale e della Pasqua, con la vendita delle stelle di Natale e delle uova di cioccolata). Fra i tanti, tantissimi sostenitori dell'AIL, vi è una delle aziende italiane più note e amate nel settore della moda, ossia Cruciani C. Dal 2012, Cruciani C ha avviato una partnership con l'AIL, proprio al fine di sostenere l'attività della stessa. In particolare, grazie all'iniziativa "IL FILO", Cruciani C ha prodotto un braccialetto rosso, costituito da tanti nodini, il cui ricavo è interamente devoluto all'Ail, "per stringere insieme i nodi della solidarietà".


 



 


L'iniziativa ha riscontrato un certo successo e, anche per questo, l'azienda italiana ha deciso di creare ulteriori modelli da aggiungere a questa speciale collezione. In occasione del Natale 2012, infatti, Cruciani ha realizzato un bracciale "Stella", in cui, accanto ai nodini del bracciale "Il filo", ha affiancato una stella di Natale. Tuttavia, questo modello era una sorta di limited edition, quindi non credo sia ancora reperibile, a meno che qualche sede AIL non lo abbia ancora.

  

Ma la collaborazione non finisce mica qua! Per l'estate 2014, Cruciani C a AIL tornano ancora in campo, questa volta con dei bellissimi braccialetti blu in due versioni, uno semplice con i nodini della solidarietà "classici", l'altro con una barca a vela. In foto, i dettagli.


 

  


Come potete leggere dalla locandina, i braccialetti sono disponibili presso le sezioni AIL (trovate l'elenco qui ) oppure sul sito www.ail.it . Il costo dei bracciali è di 7 euro per quello semplice, sia rosso che blu; 10 euro per quello con la barca a vela. Io personalmente sono in attesa dei miei blu, così da affiancarli al filo rosso. :D 
È un piccolo gesto, magari per noi anche insignificante, ma che per chi vive la malattia in prima persona, riveste un'importanza non indifferente. Chi vi scrive, ha visto gli occhi di quei pazienti, soprattutto bambini, e può testimoniare la necessità - e anche l'urgenza - non soltanto di trovare cure che sconfiggano definitivamente la malattia, ma soprattutto di sostenere chi, quotidianamente, si adopera per portare ai pazienti sollievo e conforto. Quindi ragazze, che dirvi di più? Belli son belli, fashion son fashion, sono pure buoni, quindi uniamoci per stringere questi piccoli nodini della solidarietà. Perché se è vero che ci sono nodi che vanno sciolti (vedi quelli dei capelli ), è altrettanto vero che ci sono nodi che vanno uniti e se noi andiamo in vacanza, la malattia purtroppo no. Aiutiamoli e aiutiamoci! :)
Ultimo appunto: per chi volesse ottenere ulteriori informazioni sull'associazione, sulle attività e sulle sedi, può consultare il sito www.ail.it oppure la pagina Facebook AIL Associazione Italiana contro le Leucemie-Linfomi ONLUS .
Un abbraccio,

Connie


P.S.: Colgo l'occasione per fare un grosso in bocca al lupo alle tante e tanti Antonella, Sofia, Arianna, Melissa, Andrea, Christian, Giuseppe, Claudia che, in ogni angolo d'Italia e del mondo, si trovano a fronteggiare questo mostro. A loro voglio dire: non siete soli! Ce la farete, ce la faremo! 







14 commenti:

  1. L'AIL è una delle poche associazioni serie che conosco, sono contenta che Cruciani abbia messo in piedi questa iniziativa!
    Don't Call Me Fashion Blogger
    Facebook
    Bloglovin'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo! Se non avessi visto come lavorano, non ci avrei speso neppure mezza parola.

      Elimina
  2. Bellissimo post Connie, complimenti! E' importante parlarne e far conoscere le associazioni e le iniziative come queste :)
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, diciamo pure che oramai è un argomento che mi colpisce molto, specie dopo aver conosciuto alcuni pazienti. :)

      Elimina
  3. ...se la moda si associa a fare del bene, dovrebbe esserci un buono shopping in busta paga, no?

    RispondiElimina
  4. Per fortuna che esiste l'Ail! l'ho sempre appoggiata con tanti acquisti anche perchè il mio papà è stato aiutato da questa associazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, anche tu come me, puoi testimoniare l'importanza del loro lavoro! :) in bocca al lupo!!

      Elimina
  5. Un messaggio d'amore, il potere dell'amore ;)

    RispondiElimina
  6. questa iniziativa me la sono persa, ottima idea direi!!
    un bacione
    http://mywonderrfulworld.blogspot.it/2014/07/lovely-whole-sale-bianco-nero.html

    RispondiElimina
  7. Non sapevo di questa iniziativa, grazie per avermela fatta conoscere! Mi unisco ai tuoi in bocca al lupo, e ne aggiungo uno personale per la mia amica Giovanna, anche lei impegnata a combattere contro questa malattia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In bocca al lupo anche a lei, allora!!! :)

      Elimina
  8. A fattpo benissimo CrucianI a sposare una causa così importante insieme ad un'associazione così importANTE!
    Fabrizia – Cosa Mi Metto???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo! Dovrebbero farle più spesso!!

      Elimina